Logo ZenStore

Guida al Burro di Karité

Zen Store SRLs
2015-11-09
Burro di karitè

Il burro di karité è una sostanza ricavata dai semi di una pianta africana chiamata vitellaria paradoxa. La sua estrazione avviene tramite un processo di selezione dei semi (detti anche noci). La noce di karité viene raccolta tra metà giugno/metà settembre e da questa si ricava una pasta a cui è poi aggiunta dell'acqua. Tale composto viene prima portato ad ebollizione e poi filtrato, facendo sì che venga eliminata ogni impurità. Il burro così ottenuto risulterà di colore bianco/avorio e con un odore dolce e gradevole.

Proprietà e utilizzi

Il burro di Karité viene usato sia per scopi alimentari che cosmetici. Risulta infatti essere un ottimo grasso vegetale e viene per questo motivo utilizzato da cioccolaterie, confetterie e pasticcerie. Ciò che però davvero ci interessa analizzare in questa guida è il suo utilizzo a livello cosmetico. Il burro di Karitè è presente in numerosi prodotti farmaceutici grazie allesue caratteristiche (emollienti, nutrienti e idratanti) che lo rendono ottimo per la cura della pelle.

Cura della pelle

Da secoli il burro di karité è usato dalle donne africane, che riescono a mantenere una pelle giovane e morbida anche in età avanzata. Non a caso nella loro cultura le noci di karité vengono considerate come il frutto dell'albero della salute e della giovinezza.

Grazie a tali caratteristiche è utilizzato tutt'oggi anche in Europa allo scopo di prevenire la nascita di rughe oltre che per mantenere la pelle giovane proteggendola dalle radiazioni solari.

Le proprietà di questo burro derivano dall'alta percentuale di agenti insaponificabili. Queste sostanze risultano indispensabili per il mantenimento della naturale elasticità della pelle intervenendo nella formazione di collagene ed elastina. Questi sono: l'acido linoleico, l'acido oleico e l'acido stearico. Inoltre sono presenti sostanze appartenenti alla categoria dei flavonoidi (come le catechine) con forte potere antiossidante. Sono proprio questi ultimi a limitare l'invecchiamento della pelle proteggendola dai radicali liberi. Infine abbiamo una grande presenza di vitamine essenziali per un buon equilibrio dell'epidermide dalla pelle, tra cui: la vitamina E, la vitamina A, la vitamina D e la vitamina F.

Per tutti questi motivi è ritenuto un eccellente cosmetico naturale antirughe, per viso e décolleté, capace di ridonare elasticità e compattezza alla pelle.L'applicazione del burro di karité sulla pelle consente di mantenere un colorito sano e naturale.

Un'ultima preziosa capacità è legata alle sue proprietà filmanti e filtranti, grazie alle quali ci aiuta a proteggere la pelle dai più comuni agenti esterni ( raggi solari, vento e freddo).

Vediamo alcuni modi per applicarlo correttamente:

  • Maschera per il viso al burro di karité: Prendere un cucchiaio e, dopo averlo ammorbidito con le mani, applicarlo sul viso precedentemente pulito. Continuare fino a creare uno strato sufficientemente spesso al di sopra della pelle. Lasciare quindi in posa la maschera per almeno quindici minuti prima di rimuoverla con un panno umido e morbido. Otterrete una pelle luminosa ed idratata.
  • In caso d'irritazioni o screpolature: usarne piccole quantità sulla zona interessate per avere un effetto lenitivo.
  • Come crema idratante per il corpo: dopo il bagno o la doccia applicarne piccole quantità sulla pelle umida con movimenti circolari.

Risulta infine efficace in inverno come crema per proteggere il viso dalle screpolature o nutriente e protettiva per le mani.

Cura delle labbra, delle mani e dei piedi

Le stesse proprietà emollienti(unite con quelle lenitive ed antibatteriche) rendono questo prodotto ottimo per proteggere le labbra dagli agenti esterni evitando così che su di esse si formino screpolature. Agisce similmente anche su altre parti delicate del corpo (come mani e piedi) risultando utile sia per la pelle secca, sia in caso di ferite o abrasioni. Può infine, essendo ricchissimo di vitamine, essere utile in casi di: dermatite, eritema, irritazione ed arrossamento della pelle di bambini ed adulti.

Ecco alcuni utilizzi:

  • Burrocacao: può essere usato come sostitutivo dei tanti che troviamo in commercio. Bastano poche gocce per risanare le labbra screpolate ed utilizzarlo come protettivo dal vento e dal sole. Utile inoltre nelprevenire l'herpes labiale.
  • Trattamento per unghie e cuticole: il burro di karité può essere d'aiuto se avete unghie deboli che tendono a sfaldarsi o una cuticola particolarmente secca. Prendere una noce di burro e lasciare che si sciolga a bagnomaria con un fuoco lento. Aggiungere quindi del succo di limone e mescolare bene il tutto. Immegere quindi le dita nella miscela ancora tiepida. La parte interessata sarà così risanata.
  • Cura per le mani:. Basta applicarne grandi quantità, su mani secche o screpolate, e lasciare in posa per tutta la notte. Si consiglia per ovvi motivi di avvolgere le mani in guanti di cotone.

Cura dei capelli

Il burro di karité è utilizzabile anche per la cura dei propri capelli, specie nel caso in cui questi appaiano secchi o con punte sofferenti. Le applicazioni di questo burro sono effettuate come degli impacchi pre-shampoo che permettono di ridonare morbidezza e lucentezza ai capelli spenti ed opachi, facendoli inoltre risultare meno secchi e fragili.

Le proprietà antiinfiammatorie di questo estratto lo rendono poi un ottimo nutriente per il cuoio capelluto aiutando così la normale ricrescita. Usato su di un cuoio capelluto secco, irritato o scrostato, fornirà la giusta idratazione alleviando il fastidioso prurito. Infine può essere applicato sui capelli asciutti come sostitutivo del gel in commercio, applicandone piccole quantità sulle ciocche, avendo cura di evitarela radice dei capelli.

Utilizzi:

  • Impacchi pre-shampoo: Contro i capelli secchi e danneggiati. Basta applicare il burro di karité sui capelli asciutti per tutta la lunghezza i. Bisogna quindi lasciare in posa per un'ora. Risciacquare quindi abbondantemente con l'utilizzo di uno shampoo.
  • Impacco per capelli molto danneggiati: In caso di capelli molto danneggiati un normale impacco risulterà insufficiente. La soluzione in questi casi è quella di applicare il burro di karité, come già descritto poc'anzi, ma avvolgendi i capelli in un asciugamano caldo e lasciando in posa per una notte intera. La mattina seguente Risciacquare abbondantemente con l'utilizzo di uno shampoo.

Utilizzo sulla pelle degli infanti

Il burro di karité può essere considerata un'ottima alternativa a tutte le creme commerciali per la prevenzione e la cura dagli arrossamenti provocati dai pannolini. Essa è addirittura la sostanza usata dagli indigeni africani sulla pelle dei bambini dopo la scarificazione(con lo scopo di evitare infezioni).

Utilizzo per la salute

 

 Questo prodotto viene ti utilizzato anche per alleviare fastidi minori:

  • In Nigeria il burro di karité è usato per le sinusiti e per dare sollievo nei casi di congestione nasale. Applicandone piccole quantità all'interno delle narici otterrete effetti strepitosi
  • Risulta poi utile in caso di piccole bruciature e di lievi scottature solari. Prevenendo screpolature ed arrossamenti ed alleviando l'irritazione e l'eruzione cutane(anche in caso di punture di insetti)
  • Sembra poi che il burro di karité aiuti a migliorare la circolazione capillare(promuovendo il rinnovamento cellulare),portando ad una maggioreossigenazione dei tessuti e all'eliminazione di tossine. 

 

Altri utilizzi

La sua capacità lenitiva unita al suo alto grado di assorbimento, col quale si evita l'effetto "unto" tanto odiato, lo rendono una vera e propria panacea cosmetica. E' quindi possibile utilizzarlo in svariati modi:

1.      Come idratante dopobarba: Questo prodotto infatti, grazie al già citato effetto lenitivo, è capace di rimarginare ferite superficiali che possono presentarsi dopo aver usato una lametta o un rasoio. Utile poi per evitare irritazione e peli incarniti. Per questi motivi può essere utilizzato anche dalle donne dopo la depilazione.

2.      Per le donne in gravidanza: Col suo utilizzo è infatti possibile prevenire le smagliature applicandolo come crema sulla parte interessata.

3.      Per effettuare massaggi: Il burro di karitéha un'azione antinfiammatoria che risulta efficace mirata a ridurre i dolori muscolari, specie tramite massaggi sulle zone indolenzite. Allo stesso modo può essere usato per alleviare altri dolori come quelli articolari o per lenire quelli da artrite.

Controindicazioni

Il burro di karité presenta controindicazioni pressoché nulle se usato in modo moderato. L'uso smodato può portare ad una pelle eccessivamente secca. Inesistenti risultano invece fino ad ora le reazioni allergiche ma, poiché prevenire è meglio che curare, si consiglia sempre di utilizzarlo prima in piccole quantità evitando che vi sia alcuna reazione indesiderata.

Infine l'odore risulta per alcuni sgradevole: si può ovviare facilmente a questo problema riscaldandolo leggermente a bagno maria ed andando poi ad aggiungere qualche goccia di olio essenziale.

Conclusione

Il burro di karité può quindi essere utile come sostitutivo di tanti prodotti non naturali che troviamo in commercio per la cura della pelle, delle labbra e dei capelli. Senza contare le sue capacità in tantissimi altri ambiti. Un ultimo consiglio è quello di utilizzare diversi contenitori per gli svariati possibili utilizzi.

Newsletter