Logo ZenStore
Marca: ZenStore
Codice articolo: 03848
Prezzo consigliato: EUR 4,99
Disponibilità: solo 17
Ordina adesso e riceverai il tuo ordine entro mercoledì 21 ago.
Le foglie di Tarassaco sostengono il lavoro di fegato, reni e cistifellea, svolgendo azione disintossicante.
Inci: Taraxacum officinale
 
La Pianta
 
Il tarassaco (Taraxacum officinale, fam. Composite o Asteracee) è una pianta erbacea particolarmente diffusa nei luoghi erbosi ed areati di tutto il territorio italiano. Il tarassaco, noto anche come dente di leone, stella gialla e capo di frate, si riconosce facilmente per i suoi capolini fiorali di colore giallo intenso, che si chiudono al calar del sole e si riaprono al ritorno della luce (per questo motivo esso è conosciuto anche come girasole dei prati).
La pianta, di circa 3-9 centimetri, presenta una grossa radice a fittone, le foglie sono semplici, ed i frutti sono acheni.
 
La Storia
 
Il tarassaco era utilizzato già nel medioevo come rimedio per i malanni al fegato. Successivamente, nel 1546, il naturalista Bock, attribuì al tarassaco un potere diuretico. Poco dopo gli fu inoltre attribuita la capacità vulneraria(ovvero la proprietà di curare rapidamente le ferite). Esso è inoltre utilizzato nella Medicina Tradizionale cinese come depurativo, e sembra essere capace di purificare, eliminare tossine e dissipare i noduli.
 
Questa pianta è principalmente utilizzata come depurativo nella medicina popolare. Essa è infatti utilizzata in modo particolare in primavere per eliminare le sostanze tossiche accumulate. Ha poi un’azione coleretica, dovuta principalmente agli alcoli triterpenici sinergizzanti e dai lattoni sesquiterpenici. Questi ultimi infatti, oltre ad aumentare la secrezione biliare, stimolano i processi di coniugazione delle sostanze tossiche, facilitando così l'eliminazione dei metaboliti dannosi per l'organismo e prevenendo la formazione dei calcoli biliari. Il tarassaco ha infine una attività diuretica, quest’ultima è da attribuire alla presenza di flavonoidi, dei lattoni sesquiterpenici e dei sali di potassio.
 
Il Prodotto
 
Le foglie di tarassaco sono ricche di principi amari molto utili per sostenere il lavoro del fegato, della cistifellea e, al contempo, stimolano il lavoro dei reni, svolgendo una potente funzione disintossicante.
Esso è inoltre un buon diuretico, utile per combattere la ritenzione idrica, e associato ad una buona alimentazione può aiutare all’interno di una dieta sana.
Il tarassaco è utile anche nel mantenere bassi i livello di colesterolo, aiutando il fegato ad eliminare i grassi in eccesso e prevenendo la formazione di calcoli biliari. 

Il tarassaco ha svariati componenti che lo rendono così particolare e pieno di proprietà, esso contiene infatti: steroli; vitamine (A, B,C, D); inulina, principi amari (tarassacina), sali minerali che conferiscono alla pianta proprietà amaro-toniche e digestive. E tutti questi componenti appena citati contribuiscono a rendere questa radice capace di avere ancor più proprietà, come quelle: depurative, purificanti, antinfiammatorie e disintossicanti.
 

  • Nella tradizione contadina il tarassaco è anche conosciuto come “piscialetto”, appellativo che suggerisce le proprietà diuretiche della droga. Di tali proprietà sono responsabili i flavonoidi e in parte i sali di potassio, che stimolano la diuresi favorendo l’eliminazione dei liquidi in eccesso.
  • La proprietà depurativa sono quelle più conosciuto, infatti il tarassaco stimola la funzionalità biliare, epatica e renale, cioè attiva gli organi emuntori (fegato, reni, pelle) adibiti alla trasformazione delle tossine, nella forma più adatta alla loro eliminazione (feci, urina, sudore). Favorendo inoltre l’eliminazione delle scorie (zuccheri, trigliceridi, colesterolo e acidi urici). Tutto questo rende il tarassaco una pianta epatoprotettiva, indicata in caso di insufficienza epatica, itterizia e calcoli biliari. La sua assunzione è inoltre indicata in caso di ritenzione idrica, cellulite e ipertensione.
  • Il tarasacco stimola, inoltre, le secrezioni di tutte le ghiandole dell’apparato gastroenterico (saliva, succhi gastrici, pancreatici, intestinali) e la muscolatura dell’apparato digerente producendo un’azione lassativa secondaria.
  • Questa radice presenta poi varie proprietà farmacologiche. Questo è dovuto grazie alla tarassicina e all’inulina, che inoltre ne caratterizzano il gusto amaro. Indicazioni cliniche: atonie gastriche, dispepsie, microcalcolosi biliari e stitichezza.
  • Recente è la scoperta riguardante i calcoli biliari; il tarassaco è in grado di influire, non sul calcolo già esistente, ma bensì sulla predisposizione che l'organismo ha alla formazione di calcoli.
  • Infine il tarassaco è in grado di riattivare la funzione immunologica e potenziare la risposta immunitaria del sistema linfatico. L’ossido nitrico (NO), in esso contenuto, è implicato nei processi di regolazione e difesa del sistema immunitario: agisce infatti come un messaggero intracellulare stimolando l’attività fagocitaria delle cellule.

Dal tarassaco possiamo ricavare un'ottima tisana o un incredibile decotto, entrambi utili alla salute del corpo e degli organi interi (come descritto nella sezione proprietà).

Modalità di assunzione

La dose giornaliera consigliata e da 5 a 10 grammi di tarassaco per due o tre volte al giorno.

  • Tisana: Portare la quantità di acqua che preferite ad ebollizione. Una volta fatto procedete ad aggiungere il tarasacco (1- 2 cucchiaini di tarassaco per tazza di acqua). Lasciate in infusione per circa 10 minuti prima di filitrare. Procedete a zuccherare e a consumarla calda. Si dovrebbe assumerne una tazza al mattino ed una la sera.
     
  • Decotto: Circa 10-15 grammi di tarasacco in 250 ml d’acqua. Versare quindi la radice sminuzzata nell’acqua fredda, accendere il fuoco e portare a ebollizione. Far bollire qualche minuto e spegnere il fuoco. Coprire e lasciare in infusione per 10 minuti. Filtrare l’infuso e berlo. Il decotto viene consigliato per dare maggiore incisività agli effetti diuretici del tarassaco.

Controindicazioni

Si ricorda di evitare l'assunzione di tarassaco in caso di gastrite, ulcera peptica od ipersensibilità accertata verso uno o più componenti.

Chi ha acquistato questo articolo ha comprato anche...

Farina tapioca

Farina tapioca

La farina di tapioca è ideale per tutti coloro che hanno problemi di digestione, per i bambini e per i convalescenti. Questa farina può essere utilizzata in svariati alimenti, e può sostituire quella di grano, risultando più facilmente assimilabile di quest'ultima. La tapioca è povera di sodio, ricca di calorie, ed ottima a livello culinario.

EUR 3,10 250 gr

Articoli Consigliati

Polvere di Semi di Ajwain

Novità! Polvere di Semi di Ajwain
Novità!

La polvere di Ajwain è utilizzata come spezie per i preparati esotici. Potente digestivo ed antisettico, ricco di tantissimi nutrienti utili per la cura del corpo e per combattere l'acidità.

EUR 4,99 EUR 3,99

Altea Radice

Altea Radice

La presenza delle mucillagini, tannini, pectine e grassi al suo interno la rendono ideal per la cura del sistema digerente e di quello respiratorio.

EUR 5,99 100 gr

Le recensioni dei nostri clienti

Attendere! Caricamento in corso.

Lascia una recensione

Vuoi lasciare un commento? Effettua il login o registrati!

Le nostre Guide

Newsletter

Segnalaci un nuovo prodotto

Esito operazione

...Sto caricando...

Sto caricando

Effettua il login

L'articolo è stato aggiunto al carrello.

Non è stato possibile aggiungere il buono regalo. Il valore del buono deve essere superiore a 15,00 EUR ed inferiore a 250,00 EUR.

Si è verificato un errore. Contattaci a: tecnici@zenstore.it

Si è verificato un errore. Contattaci a: tecnici@zenstore.it


Si è verificato un errore!

Vuoi rimuovere questo articolo dalla lista dei desideri?